Blog Giovanisì - Il progetto della Regione Toscana per l’autonomia dei giovani

Europa

Consultazione pubblica sui Fondi UE nel settore della coesione

Pubblicato da giovanisi il 9 febbraio 2018

shutterstock_102405310_custom_0Nel 2018 la Commissione europea presenterà delle proposte globali per la prossima generazione di programmi finanziari nell’ambito del quadro finanziario pluriennale post-2020, che è il bilancio a lungo termine dell’UE. Le proposte della Commissione saranno concepite in modo da permettere all’UE di realizzare le cose che più contano, nei settori in cui il suo intervento può risultare più efficace rispetto all’azione dei singoli Stati membri. Sarà quindi necessaria un’attenta valutazione di quel che ha funzionato e di quel che è possibile migliorare in futuro.

A tal fine la Commissione Europea promuove una consultazione, che ha l’obiettivo di raccogliere i pareri di tutte le parti interessate su come sfruttare al meglio ogni euro del bilancio dell’UE.

La Commissione intende pubblicare una sintesi delle risposte poco dopo la fine del periodo di consultazione. Le risposte saranno prese in considerazione al momento di elaborare proposte globali per il quadro finanziario pluriennale post 2020 e per la prossima generazione di programmi finanziari.
La Commissione sta avviando, in parallelo con la presente consultazione, una serie di consultazioni pubbliche che coprono l’intero spettro dei futuri finanziamenti dell’UE nei seguenti settori: coesione investimenti, ricerca e innovazione, PMI e mercato unico; migrazione; sicurezza; infrastrutture strategiche; valori e mobilità.

Chi può partecipare
La consultazione è aperta a tutti i cittadini e alle parti interessate alla politica di coesione, compresi i beneficiari dei programmi e dei fondi dell’UE, come le autorità nazionali, regionali e locali, gli organismi intergovernativi e non governativi, le istituzioni accademiche, le organizzazioni della società civile e le imprese.

Come partecipare
È possibile partecipare alla consultazione pubblica, fino al prossimo 8 marzo,  rispondendo al questionario online. Per consentire alla Commissione di capire meglio la posizione sostenuta, i partecipanti sono invitati ad approfondire le risposte nei riquadri previsti a tal fine.

Il questionario è disponibile in 23 lingue dell’UE. Le risposte possono essere formulate in una qualsiasi delle lingue ufficiali dell’UE.

La compilazione del questionario richiede all’incirca 30 minuti. È possibile sospendere e salvare il proprio lavoro per poi riprenderlo in seguito. È possibile scaricare il questionario in formato PDF. Una volta inviato il questionario, è possibile scaricare una copia delle risposte date. Alla fine del questionario si possono caricare documenti giustificativi (max: 1 MB), per integrare il contributo.

Nell’interesse della trasparenza, la Commissione invita le organizzazioni che desiderano rispondere alla consultazione a iscriversi nel registro per la trasparenza e a sottoscriverne il relativo codice di condotta. Le organizzazioni già registrate, sono pregate di indicare il numero di identificazione nel registro quando rispondono al questionario online, in caso contrario è possibile iscriversi qui.

Per informazioni sul trattamento dei dati personali e dei contributi, si consiglia di leggere l’informativa specifica sulla privacy.

Accesso al questionario
Consultazione pubblica sui Fondi dell’UE nel settore della coesione

Contatti

 

Fonte: ec.europa.eu

 

Pubblicato il 9 febbraio 2018

Lascia un commento