Blog Giovanisì - Il progetto della Regione Toscana per l’autonomia dei giovani

Studio e formazione

Ad Arezzo un corso gratuito per la gestione di vigneti e cantine

Pubblicato da aevetruriasrl il 1 giugno 2018

vinoFino al prossimo 31 luglio è possibile iscriversi al corso gratuito di qualifica professionale di “Tecnico delle attività di conduzione del vigneto e di gestione della cantina“.

Il corso, che si svolgerà ad Arezzo, ha una durata di 600 ore (di cui n. 210 ore di stage e 30 ore di accompagnamento) e sarà rivolto a 15 allievi di cui donne 8.

Il corso è interamente gratuito in quanto finanziato con le risorse POR FSE 2014-2020 e rientra nell’ambito di Giovanisì (www.giovanisi.it) , il progetto della Regione Toscana per l’autonomia dei giovani

Descrizione sintetica
Il corso “Tecnico delle attività di conduzione del vigneto e di gestione della cantina” propone di dotare i partecipanti di competenze spendibili nella filiera dell’agricoltura sostenibile, implementando le competenze richieste sul vigneto e sulla cantina attraverso la realizzazione di un percorso formativo finalizzato all’acquisizione di capacità tecnico professionali inerenti la gestione del vigneto e della cantina, prevedendo il rilascio di attestato di qualifica e riconosciuto nell’ambito del Sistema Regionale Toscano delle Competenze.

Contenuti didattici

  • La vite: botanica, fenologia, esigenze ambientali e adattamento – 20 ore
  • La vigna: caratteristiche agronomiche, coltivazione e gestione fra tradizione e innovazione  – 40 ore
  • Concimazione del vigneto: tipologia di concimazione, prodotti fertilizzanti, concimazione biologica e biodinamica  – 30 ore
  • Parassiti e malattie della vite – 30 ore
  • Difesa del vigneto: strategie di difesa a basso impatto, di tipo integrato e biologico – 40 ore
  • Caratteristiche organolettiche e qualitative dell‘uva e del vino – 30 ore
  • Tecniche di potatura ordinaria e di recupero – 50 ore
  • Organizzazione della vendemmia – 40 ore
  • La cantina: caratteristiche, utilizzo, gestione – 56 ore
  • Ambiente, Sicurezza e HACCP – 24 ore
  • Accompagnamento – 30 ore
  • Stage – 210 ore

Requisiti richiesti alla data di scadenza del presente bando:

  • Essere residente in Toscana
  • Avere compiuto 18 anni al momento dell’iscrizione
  • Essere disoccupato, inoccupato o inattivo iscritto a uno dei Centri per l’impiego della Regione Toscan
  • Aver adempiuto al diritto-dovere o esserne prosciolto

I cittadini stranieri dovranno esser in regola con il possesso del permesso di soggiorno che consente attività lavorativa e dovranno dimostrare, la conoscenza della lingua italiana (minimo livello A2) per tutti coloro che non avranno detta certificazione in sede di colloquio preliminare o di selezione dovranno dimostrare  una buona padronanza della lingua italiana.

Attestazioni:
al termine del corso, previa partecipazione ad almeno il 70% delle ore di attività previste (ed almeno al 50% delle ore di stage),  i partecipanti saranno ammessi all’esame di qualifica per “Tecnico delle attività di conduzione del vigneto e di gestione della cantina”
In caso di superamento delle prove di esame sarà rilasciato un attestato di qualfica.

Sede del corso
CREA – “Centro di Ricerca Viticoltura ed Enologia”-  Viale Santa Margherita n. 80 – Arezzo (AR)

Termine di presentazione delle domande: 31 LUGLIO 2018

Per invio domande e informazioni:

  •  AGRICOLTURA E’ VITA ETRURIA SRL –  Viale Sardegna 37/5; 53100 Siena (SI)
    Tel.: 0577/203732 – 0577/203705 – fax: 0577/47279  – e-mail: g.franci@ciasiena.it o m.grasso@ciasiena.i
  • CIPA-AT Formazione Professionale Arezzo – Via Baldaccio D’Anghiari  n. 27/31 – Arezzo (AR)
    Tel. 0575/21223 e-mail: g.delpace@cia.it

Chi fosse interessato ad isciversi può inviare la scheda di iscrizione della Regione Toscana insieme alla copia del documento di identità e  autodichiarazione/domanda di iscrizione al CPI entro 31/07/2018 all’indirizzo di post elettronica  m.grasso@ciasiena.it o  g.franci@ciasiena.it oppure inviata per fax al n. 0577/47279

E’ inoltre possibile consultare la pagina dedicata sul sito www.agricolturaevitaetruria.com

Pubblicato il 1 giugno 2018

Lascia un commento